L’approccio che utilizzo è il risultato di tanti anni di studio e lavoro sul campo. Nasce dall’integrazione di metodi differenti che ho appreso e sperimentato nel tempo. La mia sensibilità e il mio allenamento all’ascolto profondo dell’altro mi consentono di utilizzare ogni volta strumenti diversi, consentendo così alle persone di fare esperienze differenti. Ogni percorso individuale, di coppia o di gruppo, è originale e unico.

Sono tantissimi gli strumenti che utilizzo: dai giochi agli esercizi per la conoscenza di sé – per facilitare l’incontro con l’altro e le relazioni – fino agli esercizi di improvvisazione (Action Methods e forme espressive di Playback Theatre… qui scopri cos’è).

E poi l’espressione artistica: costruzione di maschere, pittura, creta, costruzioni con materiali di recupero e collage; integrata da meditazioni guidate. L’ascolto del proprio corpo è fondamentale per creare una connessione mente-corpo.

Ogni percorso è originale e tutte le attività sono delle proposte, ogni partecipante è libero di astenersi, se non in armonia con il proprio sentire.

(Privilegio ambienti in cui sia possibile lavorare con abbigliamento comodo (ad esempio con calzettoni) e dove ci sia abbastanza spazio per muoversi liberamente e prendere contatto con il proprio corpo.